La nostra intervista con Alfred Boyadgis, CEO di Forcite Helmet Systems

Forcite Helmet Systems intervista con Alfred Boyadgis, CEO. 

  1. Che cosa fa Forcite e quale prodotto / servizio vende?

– Forcite sta costruendo un sistema di informazioni messe a disposizione dei motociclisti direttamente nel loro casco. Il casco include un insieme di LED all’interno con audio e un sistema di telecamere. Aiuta il guidatore con la navigazione, avvertendolo sulla presenza di forze dell’ordine nella zona, limiti di velocità, rischi sulla strada e altro. L’obiettivo principale è quello di mantenere i conducenti al sicuro.

  1. Quando hai iniziato a sviluppare un interesse per questo settore e cosa ti ha spinto a creare un prodotto o un servizio per questo settore?

– La storia che sta dietro la nascita dell’azienda è che sono stato coinvolto in un incidente motociclistico alcuni anni fa e mi sono fratturato gravemente il ginocchio. Volevo creare questo sistema che aumentasse la sicurezza per i conducenti di motocicli e riducesse i tempi di reazione. Utilizzando i dati crowdsourcing, i conducenti, grazie a Forcite, potranno essere in grado di sapere se ci sono potenziali pericoli sul loro percorso, ed evitarli così come potenziali incidenti e lesioni. La tecnologia del casco riguarda la capacità dell’autista di saper prevedere tutto ciò che accade sulla strada in tempo reale.

  1. Come è stato il processo di ricerca dgli investitori?

– I primi investitori che entrarono nella nostra azienda, in particolare gli investitori Angel, volevano che non costruissimo un prodotto per motociclette ma costruissimo un prodotto per sport sulla neve perché erano tutti appassionati di sci e ascoltarli inizialmente è stata una cattiva idea. In seguito, abbiamo deciso che sarebbe stato un prodotto motociclistico e abbiamo iniziato la nostra ricerca di un nuovo team di investitori, insieme al supporto di alcune società come Yamaha Motors.

  1. Come è stata l’esperienza di essere finanziato da un Venture Capital?

– È stato difficile presentare il nostro prodotto ai grandi investitori e coinvolgerli attivamente fino a quando abbiamo iniziato a lanciare la nostra attività come software e azienda di intelligenza artificiale anziché hardware. Quando ci siamo resi conto che volevamo ottenere di più nella realtà dell’intelligenza artificiale è stato il momento in cui abbiamo ottenuto la traction dagli investitori di Venture Capital (VC) e in realtà, questo ci ha portato a cambiare il nostro modello di business. Il nostro ultimo ciclo di pubblicazioni è stato complessivamente di grande successo e brillante in tutto il mondo grazie a un VC con cui collaboriamo, Uniseed, un fondo da 300 milioni di dollari che collabora con tutte le università austriache.

  1. Che tipo di supporto offrono a te e alla tua azienda?

– Varia davvero, per esempio abbiamo due VC che ora hanno investito nel nostro progetto. Non abbiamo ricevuto davvero tanto sostegno dagli investitori Angel, poiché sono in genere investitori più tranquilli. Per quanto riguarda Uniseed, loro hanno un posto nel nostro board e in realtà il più grande gestore Angel Investment, che era amministratore delegato di Deutsche Bank a Sydney, è il nostro presidente. Tutte le operazioni finanziarie della nostra azienda sono gestite in modo molto diligente, il che è positivo per un’azienda di piccole dimensioni che sta crescendo e si spera che servano a supportarci con il capitale di cui abbiamo bisogno.

  1. Che consiglio daresti a qualcuno che ha una startup o una piccola azienda che sta cercando di far crescere la propria attività finanziariamente?

– Penso che la cosa fondamentale sia che se non ami quello che stai facendo, non sei appassionato del tuo lavoro e non ci stai lavorando a tempo pieno tu in primis, gli investitori non avranno mai la tua stessa passione né metteranno i loro soldi in un business. Se gli investitori possono vedere che stai facendo qualcosa solo perché vuoi fare soldi, è più che probabile che non saranno disposti a investire nella tua azienda. Inoltre, devi avere la traction e l’accettazione del tuo prodotto/servizio da parte del cliente, indipendentemente dal livello di investimento. Forcite è guidata molto dai dati e tutto ciò che è o non è incluso nel nostro prodotto è dovuto al fatto che sono proprio i nostri clienti a desiderarlo in questo modo.

Il Team BizPlace

Vuoi sapere di più sulle nostre startup?